lunedì 28 agosto 2017

Coaching motivazionale

Coaching e naturopatia

Nessun vento è favorevole
per il marinaio che non sa dove andare.
Seneca

Il modo migliore per realizzare un obbiettivo è essere consapevoli di avere davvero un obbiettivo. Non è detto che debba essere sempre chiara la direzione in base alla quale orientare il percorso: la vita è fatta di svolte, di impennate e di cadute, di attese e di ripartenze. Gli obbiettivi, poi, sono plastici e cambiano con voi, ridefinendosi di continuo nelle tappe del viaggio.

C’è un problema, però, quando le battute d’arresto, anziché pause per riacquistare vigore, diventano secche in cui la barca rischia di incagliarsi. Quando perdete fiducia nelle vostre risorse e capacità di reagire. Quando smettete di cercare attivamente ciò che potrebbe farvi star meglio. Quando lasciate che qualcosa - la fine di un amore, difficoltà sul lavoro, problemi relazionali - minacci la salute e il benessere, indebolisca la vostra autostima al punto da silenziare la progettualità e, in definitiva, blocchi la vostra evoluzione come individui. Non può infatti esserci una meta se manca la spinta interiore che rende possibile, e anzi desiderabile, muoversi.

Per scegliere, riprendere, modificare o addirittura invertire la rotta dovete ripartire da voi, gonfiare le vele e, se non basta, cercare una guida. Qualcuno che aiuti a scoprire quali sono i gesti giusti e quale il ritmo con cui compierli per recuperare l’alleanza delle onde, che spezzi le catene dei pensieri negativi e delle paure ostili alla navigazione per far luce sul capitale di energie, qualità e abilità di cui siete dotati, che vi accompagni lungo la traversata e vi sproni a rimodulare il vostro atteggiamento interiore, vera chiave di ogni miglioramento. Così sarà più semplice veleggiare verso il porto, qualunque esso sia.

- torna a Le tecniche di naturopatia -