sabato 26 agosto 2017

Il naturopata

Naturopata

D. Chi è il naturopata?
R. E' un professionista della salute diverso rispetto al medico e agli altri operatori sanitari, a cui tuttavia spesso si affianca, dal momento che svolge un ruolo complementare. Anche il naturopata infatti, mediante gli strumenti e i principi propri della naturopatia, aiuta l’individuo a mantenere o a ritrovare uno stato di benessere il più completo possibile.

D. Come interviene il naturopata?
R. La peculiarità dell’attività del naturopata è che, invece di combattere le malattie con interventi e strumenti più o meno drastici, stimola le funzioni e la vitalità dell’organismo, rafforzandolo in maniera dolce e non invasiva. Più specificamente, il naturopata promuove nella persona le condizioni più favorevoli per il ripristino dell’equilibrio psicofisico, risvegliando la capacità di autoguarigione innata e insita in ognuno di noi, la forza vitale di cui è naturalmente provvisto ciascun organismo. La naturopatia considera tale capacità come una dotazione naturale di ogni essere vivente; il naturopata interviene nel mantenere o recuperare questo vero e proprio “capitale” che la persona ha a disposizione. A questo scopo, utilizza, in maniera integrata e sinergica, diverse discipline e metodiche esclusivamente naturali (alimentazione, integratori nutrizionali, rimedi erboristici ecc.).

D. Quale obiettivo persegue il naturopata?
R. L'obiettivo finale dell'intervento naturopatico è sempre il miglioramento del terreno individuale (il caratteristico insieme di predisposizioni e squilibri). Un terreno “bonificato” da anni di errata alimentazione e da uno stile di vita scorretto permette il dispiegamento di tutte le risorse vitali della persona, consentendole di stare bene nella maniera più piena, naturale e duratura possibile. Evitare la crescita delle erbacce sul nostro personalissimo e preziosissimo terreno, favorendo invece quella dei frutti migliori: questo è il lavoro del naturopata.

Quella del naturopata è un'attività professionale di cui alla legge n. 4 del 14 gennaio 2013.

- torna a FAQ Naturopatia -