martedì 29 agosto 2017

Integratori alimentari

Integratori alimentari

Uno non può pensare bene, amare bene,
dormire bene, se non ha mangiato bene.
Virginia Woolf

Perché abbiamo bisogno di integratori alimentari? A sentire gli esperti, un’alimentazione equilibrata e varia sarebbe in grado di fornirci tutti i nutrienti che ci servono. Sarete senz’altro d’accordo anche voi che una dieta così sia meglio di una squilibrata e monotona... Tuttavia si deve osservare - studi scientifici alla mano - come gli attuali criteri produttivi agronomici e zootecnici, finalizzati a massimizzare le rese, abbiano portato all’impoverimento della qualità di suoli, acque, colture vegetali e prodotti animali. In più, la raffinazione degli alimenti e le loro modalità di conservazione e di cottura provocano un’inevitabile perdita di vitamine, minerali, enzimi, fibre.

Nel nostro piatto arrivano così cibi a diminuito contenuto di nutrienti e, per di più, addizionati spesso di sostanze nocive (come anticrittogamici, ormoni e conservanti, che si accumulano nell’organismo agendo in senso tossico e interferendo con i processi metabolici). Ciò, insieme all’inquinamento ambientale e allo stile di vita odierno, può alterare gli equilibri fisiologici e ridurre la nostra capacità di reazione all’aggressione degli agenti esterni (climatici, microbici, psichici, traumatici).

La necessità di intervenire con gli integratori alimentari - vitamine, minerali, acidi grassi essenziali, amminoacidi, antiossidanti specifici, nutraceutici in genere - è quindi fondamentale quando si ravvisa la carenza di determinati nutrienti nell’alimentazione quotidiana. Inoltre, in particolari situazioni o fasi della vita (stress, gravidanza, senescenza, assunzione di certi farmaci ecc.), il bisogno di tali già scarsi nutrienti è accresciuto o il loro assorbimento è ridotto. Gli integratori potenziano le capacità di riequilibrio dell’organismo, poiché ottimizzano importanti funzioni fisiologiche, migliorano l’attività enzimatica, rinforzano le difese immunitarie e combattono i radicali liberi.

- torna a Le tecniche di naturopatia -